pillola anticoncezionale sindrome premestruale

La sindrome premestruale grave e il disturbo disforico premestruale sono due delle patologie femminili più difficili da diagnosticare. Eppure, in questa infografica abbiamo visto che ci sono dei soggetti più propensi a soffrirne, come donne con un passato di instabilità emotiva o affette di Depressione Maggiore, ansia, disturbo bipolare e della personalità e questo è il motivo per cui la diagnosi risulta difficile.

Non poche volte il DDPM, ad esempio, è stato confuso con uno dei disturbi sopra elencati, con una conseguente terapia farmacologica. Tirando le somme ci sono donne più predisposte a soffrire la SPM di grado moderato/grave nonché il DDPM. Quindi quali potrebbero essere le cause fisiologiche e biologiche di questi due disturbi? La fase che precede le mestruazioni è caratterizzata da fluttuazioni ormonali che hanno un impatto sulla nostra salute e stabilità psico-fisica.

Queste fluttuazioni sono di fatto uno squilibrio che può essere contrastato in diversi modi. La comunità medica si è espressa a favore dell’utilizzo della pillola anticoncezionale al fine di contrastare i fastidiosi sintomi della SPM e del DDPM. Ma è davvero la soluzione migliore?

Noi di MyLivia siamo sostenitori di cure non farmacologiche, come abbiamo visto anche in passato, ma diamo un’occhiata ai benefici della pillola in questa situazione e se ci sono dei rimedi alternativi per vivere serenamente con la SPM grave e il DDPM.

Rimedi contro la sindrome premestruale: tutto quello che devi sapere sulla pillola anticoncezionale

pillola alleviare sintomi SPM

Non ci concentreremo su uno specifico brand o tipologia di pillola, ma prenderemo in considerazione i principi attivi e la composizione di questa apparente soluzione. Per contrastare le fluttuazioni ormonali della sindrome premestruale è possibile, sotto il punto di vista farmacologico, assumendo degli ormoni “amici”, tra cui drospirenone e gli estrogeni.

Quest’ultimi sono ormai entrati anche nel linguaggio comune come gli “ormoni della felicità” e, in questo scenario, insieme al drospirenone si tratta di farmaci che aiutano a normalizzare e a stabilizzare i valori ormonali, nonché ad aiutare il drenaggio del fisico, per liberarsi dalla sensazione di gonfiore e pesantezza che precede il ciclo.

Ormai la pillola è spesso utilizzata per scopi che non c’entrano nulla con la gravidanza, come l’ovaio policistico o per contrastare l’acne, ad esempio. Assumere la pillola per contrastare i fastidiosi e spesso invalidanti sintomi della SPM è davvero necessario?

Come sempre, non vogliamo fare le veci di un medico o di un ginecologo, ma per noi si tratterebbe di una soluzione da ultima spiaggia, per i seguenti motivi:

1) Se la pillola è una novità per te potrebbe avere diversi effetti collaterali sul tuo fisico, tra cui:

– Spotting: perdite mestruali al di fuori del tuo ciclo;

– Ciclo irregolare o addirittura assente;

– Tensione mammaria;

– Perdita della libido.

2) Trovare il giusto dosaggio o combinazione potrebbe richiedere del tempo;

3) Non è garantito che i risultati perdurino nel tempo, in altre parole, potresti dover assumere la pillola per un periodo indefinito;

4) L’assunzione della pillola può compromettere ulteriormente il tuo stato di salute se soffri di:

– Diabete;

– Problematiche legate al fegato;

– Pressione alta;

Problemi di cuore.

Tutti vogliamo prendere una pillola magica e risolvere i nostri problemi, ma spesso la forza di volontà e la routine sono i nostri alleati migliori.Come abbiamo visto anche per la SPM e il DDPM è meglio optare per delle soluzioni naturali alla cui base c’è uno stile di vita sano. Sicuramente sembra l’opzione più impegnativa, ma hey, qui parliamo della tua salute mentale e fisica.

Proprio in questo video di Goodful una ragazza racconta della sua, all’inizio infernale, esperienza con il Disturbo Disforico Premestruale. Nonostante una cura farmacologica che ha riscosso abbastanza successo per lei, alla fine ha scelto di rivoluzionare il proprio stile di vita.

Quindi, qual è il rimedio migliore per contrastare la Sindrome Premestruale? Lavora su te stessa, cerca di essere la tua priorità numero 1 e opta per delle soluzioni non farmacologiche, anche per i fastidi fisici causati dalla SPM. I giorni “no” continueranno ad esserci, ma essere coscienti del proprio problema e di quello che funziona meglio per te, ti aiuterà a gestire le situazioni spiacevoli al meglio.

Non hai ancora scaricato la nostra infografica gratuita? Che aspetti? Fallo subito se vuoi saperne di più sulla SPM e su come contrastarla, grazie ai consigli della nostra psicologa esperta.

codice sconto