Quel periodo del mese è alle porte e tu sai già cosa ti aspetta: crampi addominali, ritenzione idrica, pelle grassa, ormoni impazziti e chi più ne ha più ne metta. Insomma, “L’inferno sta arrivando”, ma ovviamente non per tutte è così. Sappiamo anche che c’è anche una grande probabilità, che tu che ci stai leggendo non sarai sicuramente l’amica del gruppo che riuscirebbe ad affrontare persino i saldi estivi con il ciclo. Come facciamo a saperlo?

 

 

Quel periodo del mese è alle porte e tu sai già cosa ti aspetta: crampi addominali, ritenzione idrica, pelle grassa, ormoni impazziti e chi più ne ha più ne metta. Insomma, “L’inferno sta arrivando”, ma ovviamente non per tutte è così. Sappiamo anche che c’è anche una grande probabilità, che tu che ci stai leggendo non sarai sicuramente l’amica del gruppo che riuscirebbe ad affrontare persino i saldi estivi con il ciclo. Come facciamo a saperlo?

In Italia dei 13 milioni di donne in età fertile, circa l’80% soffre di dolori mestruali che in alcuni casi possono essere talmente acuti, che persino affrontare una giornata di lavoro o in università diventa impossibile. Figuriamoci cercare di accaparrarsi quel paio di jeans su cui si è messo gli occhi.

Proprio così: circa 10 milioni di donne, 8 donne su 10, ogni mese.

E i rimedi a cui ricorri sono sempre gli stessi: borsa d’acqua calda e qualche analgesico per poter affrontare la giornata. A tal proposito ti consigliamo anche di dare un’occhiata a questo articolo (link articolo 1) in cui abbiamo elencato alcuni rimedi che aiutano a contrastare i dolori mestruali.

Ognuna di noi vive il ciclo in maniera diversa, perché le mestruazioni sono regolate da numerosi fattori psico-fisici, nonché genetici. Ma spesso è volentieri i sintomi delle mestruazioni dolorose vengono ignorati perché tanto la soluzione è a portata di mano, no?

In questo articolo esamineremo il topic dell’endometriosi, ossia una patologia ginecologica che rende il ciclo estremamente doloroso e la cui manifestazione potrebbe essere ignorata perché confusa con altri sintomi del ciclo o pre-ciclo. Lo scopo non è assolutamente quello di creare allarmismi inutili. Proprio il contrario!

La maggior parte delle donne ricorre ad Internet per reperire alcune informazioni riguardo le mestruazioni e i sintomi più “classici”, ma lo saprai anche meglio di noi: l’abbondanza di notizie che ci offre il web spesso e volentieri è fuorviante.

(Avrai fatto almeno una volta lo sbaglio di cercare i sintomi di un semplice raffreddore su Google, per poi ritrovarti con l’autodiagnosticata patologia della lebbra-dell-Amazzonia- sud-occidentale.)

A parte gli scherzi, alcuni dei sintomi della fase premestruale e mestruale, potrebbero nascondere patologie più gravi su cui è necessario intervenite. Quindi il nostro consiglio è di affrontare il tanto temuto ginecologo e fare controlli periodici. Perché noi ci atteniamo all’evergreen “Prevenire è meglio che curare”.

E ora arriviamo alla parte meno divertente: fare un po’ di chiarezza sull’endometriosi e se davvero i crampi addominali potrebbero esserne una manifestazione.

Iniziamo a dare un’occhiata.

 

L’endometriosi in parole semplici

 

l'endometriosi in parole semplici

 

Questa patologia di cui è affetta 1 donna su 10, è causata dalla formazione del tessuto endometriale in zone dove non dovrebbe esserci. Per definizione, l’endometrio è il rivestimento dell’utero che, dopo l’ovulazione si prepara al potenziale concepimento e l’impianto dell’uovo fecondato per dare inizio ad un’eventuale gravidanza.

Se ciò non avviene l’endometrio si “sfalda” provocando le mestruazioni, ogni 28 giorni circa.

Nel caso delle donne affette da endometriosi questo tessuto potrebbe formarsi in altre zone al di fuori dell’utero, come ovaie, tube o nei casi peggiori, anche altri organi interni.

Il risultato è che ogni 28 giorni anche il tessuto endometriale che è proliferato in maniera anomala anche in altre zone oltre che l’utero, si sfalda. Purtroppo, la sua impossibilità di fuoriuscire dall’organismo in maniera naturale, come succede all’endometrio che ricopre l’utero, comporta la formazione di cisti interne, tessuto cicatriziale e aderenze.

 

L’endometriosi e i suoi sintomi

 

Esistono diverse tipologie di endometriosi:

 

• endometriosi sottile (superficiale);

endometriosi tipica, con lesioni di vecchia data;

endometriosi cistica dell’ovaio;

endometriosi profonda.

 

Purtroppo, i sintomi dell’endometriosi sono abbastanza generici e solo un ginecologo qualificato, dopo i dovuti esami potrebbe dare conferma (o meno, fingers crossed) della presenza della patologia.

Alcuni dei sintomi potrebbero comprendere:

 

 

dolori durante i rapporti sessuali

affaticamento e stanchezza cronici;

dolori acuti nel basso addome e nella zona pelvica;

dolori vaginali cronici.

 

 

Purtroppo, tutt’oggi le cause della formazione anomala del tessuto endometriale rimangono sconosciute, quindi non ti resta che fronteggiare la situazione con i rimedi che la medicina odierna ci offre, come trattamenti ormonali, analgesici o soluzioni che non comprendono affatto i farmaci.

 

ragazza serena

 

Per rispondere alla nostra domanda iniziale quindi: i crampi addominali e l’endometriosi potrebbero essere collegati?

 

Odiamo quanto te questa risposta, ma purtroppo è ni.

 

L’arrivo di ogni ciclo mensile è caratterizzato da molti fattori fisici, psichici e se vuoi crederci, anche sociali, e pertanto nessun ciclo è uguale a quello precedente.

 

Nonostante ciò la comunità medica è a tua disposizione, e noi ti invitiamo a consultarti con il tuo ginecologo di fiducia per qualsiasi dubbio. Nessuna domanda è fuori posto, specialmente se hai dubbi riguardo i sintomi delle tue mestruazioni. Perché come abbiamo detto: la prevenzione deve diventare un mantra.

 

Ma ovviamente non ti vogliamo lasciare così! Se vuoi saperne di più su qualche rimedio fai-da-te e salutare per i dolori da ciclo, scarica la nostra infografica gratuita. All’interno troverai tanti consigli utili per fronteggiare al meglio quei giorni del mese, ma anche il parere di una ginecologa esperta! Insomma, una risorsa imperdibile e a portata di mano per essere sempre al top!

 

cta_infografica_mylivia